COMPLESSO DI CULTO HAZRATI IMAM

5
(589)

COMPLESSO DI CULTO HAZRATI IMAM o KHASTI-IMAM. La piazza Hazrati-Imam è uno dei luoghi di culto più antichi non solo in città. Il nome significa “Santo Imam”.

La piazza Hazrati-Imam è uno dei luoghi di culto più antichi non solo in città, ma anche in Asia centrale. Oggi sono stati conservati quattro monumenti antichi: il mausoleo di Kaffal-ash-Shashi e la madrasa di Barak-Khan (XVI secolo), l’antica moschea suburbana ex festiva di Namazgoh (XVIII-XIX secolo) e la moschea di venerdi di Tilla-Sheikh (XIX secolo). Il complesso comprende anche i nuovi edifici della Moschea Cattedrale, l’Amministrazione dei Musulmani dell’Uzbekistan, il Museo del Corano (2007).

“Hazrati-imam” significa “Santo Imam”. L’Imam è uno dei titoli religiosi dei musulmani. Abu Bakr Muhammad ibn Ali Ismail Kaffal ash-Shashi è stato uno dei primi imam musulmani, un predicatore e fondatore dell’Islam nell’oasi di Tashkent. Pertanto, non è un caso che il complesso di culto di Hazrati Imam si sia sviluppato attorno alla sua tomba.

Il mausoleo di Abu Bakr Muhammad ibn Ali Ismail Kaffal ash-Shashi è una struttura a cupola singola con un portale d’ingresso sviluppato rivolto a nord. Il Mausoleo di Kaffal ash-Shashi è originale in quanto tutte le sue facciate sono risolte in modo diverso, mentre il sud e il nord sono simmetrici, e l’est e l’ovest sono asimmetrici. Questa decisione è stata causata dalla posizione centrica del mausoleo sul posto.

Il portale principale è tradizionale: è un quadrato posizionato su una base alta. Una nicchia a volta ad arco profondo lungo l’asse della composizione è fiancheggiata da piloni divisi in nicchie ad arco. Il portale stesso è stato più volte riparato.

Sulla facciata del portale c’è una cintura ornamentale con un’iscrizione che contiene informazioni storiche sulla costruzione del mausoleo (848 dell’egira – 1541), il nome dell’architetto Gulyam Hussein e il nome del calligrafo Kudrat.

“Quando leggi questa buona iscrizione, Fai una preghiera per la mia anima. Il costruttore di questo immacolato edificio. C’è un devoto di Dio, lo schiavo di Khan Gulyam, Hussein. Oh anima, che i saggi conoscono l’anno di fine della costruzione, La cantante Kudrat su questa parete a motivi geometrici l’ha incisa. Oh Dio! Perdona lo scriba e il lettore! Questo luogo per i visitatori è diventato una fonte di delizia, Pertanto (lettere di parole) “fonte di delizia” danno un anno alle sue finali Signore! Oh cuore, non distogliere lo sguardo dalle persone virtuose … ” L’anno 1541.

L’asse principale del mausoleo est-ovest è indicata da una nicchia sfaccettata in cui si trova la lapide del saggio. Le due piccole porte conducono al piano superiore, dove ci sono le stanze hujra per i pellegrini. Dal X secolo, il mausoleo di Kaffal al-Shashi è diventato uno dei principali santuari della città. Con il nome di uno sceicco, l’intera area della parte Sebzar di Tashkent era chiamata Hazrat-Imam.
Tuttavia, questo non è il primo mausoleo. Il luogo sacro ha acquisito la sua forma moderna nel 1541. I sovrani del clan Sheibanidi hanno espresso il loro profondo rispetto per la memoria dello scienziato, ordinando di erigere un mausoleo che è rimasto in piedi per quasi cinque secoli.

Abu Bakr Muhammad ibn Ali Ismail Kaffal Shashi è nato nell’anno 291 dell’Egira (903/904) nella città di al-Shash (moderno Tashkent).

La famiglia di suo padre, il maestro Ali, era devota. Il nonno della futura stella della scienza musulmana si chiamava Ismaele, dal nome del primogenito del profeta Ibrahim (Abramo). Il padre fu nominato in onore del quarto giusto califfo Ali, un associato del profeta Maometto. Pertanto, alla nascita, Abu Bakr ricevette come nome personale (“Alam”) il nome del primo giusto califfo Abu Bakr, un associato del Profeta.

Piu’ tardi, il prefisso professionale (lacab) Kaffal – “fabbro che faceva serrature”, secondo il mestiere della loro famiglia, verrà aggiunto al nome. La parola araba “kufl” è stata trasformata in “kulf” e vive ancora nella moderna lingua uzbeka, mantenendo il suo significato – “luccetto”. Successivamente, Abu Bakr sarà chiamato dall’epiteto (nisbah) ash-Shashi (“e’ di Tashkent”) e per la saggia santità di “Hazrat Imom” – ” l’Imam santo”.

E diversi secoli dopo, al suo nome verrà aggiunto il prefisso al-Kabir – “maggiore”nei manoscritti per non essere confuso con Al-Kaffal Abu Bakr Abdullah ibn Ahmad al-Marwasi, anch’egli esperto di diritto musulmano che nacque a Merv 400 anni dopo ed era omonimo di un santo di Tashkent.
Un nome che è complicato a prima vista è facile da leggere: Abu Bakr Muhammad “maggiore”, figlio Ali, nipote di Ismail, un fabbro di Tashkent. Quest’uomo aveva un carattere insolito: un coraggioso poeta, poliglotta e autore di molti libri sulla legge musulmana, sono pubblicati ancora oggi in diversi paesi.
La sua prima formazione ha ricevuto nella sua città, dopo ha studiato a Samarcanda, Bukhara, Termez e qui ha fatto conoscenza con le opere e il prezioso patrimonio religioso e scientifico dell’Imam al-Bukhari e dell’Imam al-Termizi.
Alla ricerca delle sapienze, l’Imam Kaffal Shashi si recò nei paesi del Vicino e Medio Oriente. Ha studiato dai più grandi scienziati di quel tempo. Seguendo l’hadith “Comprendi la scienza dalla culla e fino alla discesa nella tomba”, Abu Bakr Muhammad Kaffal Shashi, comprendendo la scienza, proseguì la sua educazione a Khorasan, e quindi al centro della scienza del mondo musulmano di Baghdad. Abu Bakr ha visitato le città sante della Mecca e della Medina e ha completato i suoi studi a Damasco. Ritorna incessantemente in quelle città dove ha studiato e ha incontrato persone eccezionali, dove tutti non vedevano l’ora del suo ritorno.
Ad ogni visita di Abu Bakr nella capitale del califfato arabo Baghdad, scienziati e poeti, ulama e sceicchi si radunavano attorno a lui, si tenevano conversazioni e controversie interessanti. Ma l’ultima visita a Baghdad è stata oscurata dallo scoppio della guerra tra il califfato e Bisanzio, l’impero romano d’oriente. L’imperatore bizantino Niceforo (963-969), dopo aver conquistato la parte settentrionale di Shoma, inviò un ultimatum al califfo arabo, Mutilillah (946-974): “Noi, come i leoni, abbiamo catturato le nostre terre. E Damasco era la terra dei nostri antenati e ci apparterrà. Con le nostre armi cattureremo l’Egitto. Conquisteremo Hijaz, Baghdad, Shiraz, Ray, Khorasan, Kuddus, tutto l’Oriente e tutto l’Occidente. “
Il califfato indebolito non aveva il potenziale militare per resistere all’Impero Romano d’Oriente. È stato necessario risolvere pacificamente il problema. Il califfo di Baghdad chiede ad Abu Bakr di elaborare una risposta poetica al messaggio dell’imperatore bizantino secondo le norme di corrispondenza diplomatica stabilite in quel momento.
L’Imam Kaffal Shashi scrive una lettera in 148 righe, che riflette il suo talento poetico e le sue capacità diplomatiche. Secondo Nematullo Muhammedov, 74 beit di questa lettera sono arrivati a noi nell’opera di Tojiddin al-Sabka. È anche importante che il messaggio di ritorno dell’Imam Kaffal Shashi abbia causato confusione nella capitale di Roma – Costantinopoli, lo stesso imperatore e il suo entourage, tra cui i suoi oppositori – scienziati e influenti persone di Roma, che hanno studiato all’Accademia Baghdad di Mamun.
Nella lettera sono stati espressi i pensieri in evidenza la tragedia che possono portare la ricerca della fama e dell’onore, il trono e la brama di potere, guerre, coraggio e tradimento, piaceri terreni e sofferenza nell’aldilà, che ha emozionato profondamente il comandante che ha trascorso tutta la sua vita cosciente nei campi battaglie. Il sovrano di Roma annunciò ufficialmente il suo rifiuto di marciare su Baghdad. È un fatto indiscutibile che alla fine del X secolo, l’Imam Abu Bakr Shashi ha impedito una guerra tra due potenti poteri, e quindi, lo spargimento di sangue di migliaia di musulmani e cristiani.
Secondo la leggenda e la promessa, Kaffal Shashi ricevette il libro sacro del Corano – Usmon Kuroni, conservato nei tesori del califfato e lo portò a Tashkent. Ma questo è una leggenda popolare, in cui spesso il desiderato viene presentato come realtà.
Dopo essere tornato da vagabondaggi, durante il quale ha girato tutto il mondo musulmano, ha visitato luoghi santi, ha parlato con le persone più importanti del Rinascimento orientale, Al-Kaffal ash-Shashi ha di nuovo vissuto nel suo nativo Tashkent, a cui la fama di un grande scienziato e poeta ha raggiunto molto prima del suo ritorno Abu Bakr a casa. Vedendo il mondo, raggiungendo l’apice della fama, lo scienziato e il poeta torna nella sua città natale, che lasciò come un curioso figlio di un maestro nella fabbricazione di lucchetti.
Le porte di una casa sono sempre aperte per un ospite. Un riparo e cibo aspettano il viaggiatore stanco. Lascia che le prelibatezze siano modeste: acqua e fagioli, Li accetti come un modesto dono del destino. Chiunque sia nobile e onesto con la sua anima capirà. Ma un avaro ed ingiusto non entreranno nella mia casa1. 
Nel 2004 è stato celebrato il 1100 ° anniversario della nascita del primo santo patrono di Tashkent. L’Imam Abu Bakr ha lasciato un’eredità unica nell’interpretazione degli hadith, della teologia, delle basi della giurisprudenza islamica, della poesia e della linguistica.
Nel 2007 sono state effettuate alcune riparazioni e modifiche al design. Il piccolo cortile posteriore, dove c’erano diverse tombe, era bloccato da un soffitto in legno e divenne la seconda sala di questo mausoleo.
Accanto al mausoleo si trova l’Istituto islamico Imam Al-Bukhari, nel suo cortile si trova l’ex moschea di Namazgoh. La moschea fu costruita nel 1867 durante il regno di Khan di Kokand. La moschea di Namazgoh ha servito per le preghiere collettive nei giorni delle festività principali: Kurban Khayit e Uraza Khayit (sono le festivita’ di Ramadan in Uzbekistan).
L’edificio è una struttura allungata sotto forma di gallerie a cupola con il porticato in legno. Le pareti della moschea sono fatte di mattoni cotti. Gli interni sono senza decoro.
Nella sala principale c’è una piccola nicchia piatta di mihrab con stalattiti – mukannas nella volta. Una panjara è scolpita su di essa. Nei tempi moderni, un monumento architettonico ha subito diverse modifiche minori.
L’Istituto è stato fondato nel 1970. Il tempo di studio presso l’istituto è di 4 anni. I programmi di formazione si concentrano su uno studio approfondito delle basi del dogma islamico, della storia e della teoria della religione, dello studio della lingua araba. Ci sono dipartimenti di scienze religiose, scienze sociali, un dipartimento per lo studio del Corano, un dipartimento linguistico. Le lezioni si svolgono in uzbeko e arabo. Dopo la laurea, i laureati ricevono due diplomi: teologico, che indica la specializzazione – Imam Khatib e civile – un insegnante di arabo. Circa 300 persone studiano presso l’istituto. Di recente, e’ stato aperto il gruppo per le femmine.
In Uzbekistan ci sono 9 madrasse. Due sono per le femmine, 7 per i maschi. Tutte queste istituzioni educative sono gestite dall’amministrazione spirituale dei musulmani dell’Uzbekistan.
Al sud del mausoleo di Kaffal ash-Shashi, nel XVI secolo fu eretta una grande madrassa di Barak Khan.
La facciata principale della madrasa si affaccia sulla piazza. Il suo portale snello con una nicchia profonda è diviso da pannelli decorativi di piastrelle smaltate. Due colonne di tre quarti: guldasta fissa visivamente gli angoli del portale. A differenza di molte madrasse, la madrasa di Barak Khan ha una soluzione di pianificazione piuttosto eccellente legata alla storia della sua costruzione. Sorse per volere Nauruz-Akhmadkhan della dinastia di Sheybanidi (lui stesso Barak-khan, morto nel 1556), che voleva dare ancora più splendore e significato alla necropoli di Hazrat-Imam. In sostanza, questo è un complesso commemorativo di vari periodi che ha adottato solo una composizione da cortile di una madrassa.
Nella madrasa ci sono i mausolei precedentemente costruiti; uno di loro non ha conservato il suo nome, e l’altro è la tomba di Suyunijkhan, il padre del costruttore della madrassa – il fondatore della dinastia Tashkent di Sheybanidi (morì nel 1525). Suyunijkhan era il nipote di Ulugbek, pronipote di Tamerlano. 
Il mausoleo ha un piano centrico, come una khonaka, lo spazio interno è aumentato a causa di nicchie profonde. La sala del mausoleo coperta da una cupola. La madrasa e i suoi mausolei sono stati gravemente danneggiati da numerose riparazioni e ricostruzioni,  che ne hanno distorto l’aspetto originale. 
Solo fotografie scattate prima del 1868 e frammenti di rivestimenti e decorazioni, liberati da strati di riparazione o estratti da archeologi dalla terra (i lavori del 1935 e del 1956), consentono di immaginare più pienamente l’antico splendore delle facciate e degli interni del complesso. Nell’antichità, l’interno del mausoleo era decorato con pittura continua nella tecnica del “kundal” su intonaco di “ganch”.
Durante il terremoto del 1868, la cupola esterna crollò. Il basamento alto della cupola era rivestito da un mosaico di complessi ornamenti geometrici con inserti di poliedri e stelle. Su di esso c’erano le righe del poeta Vasifi (che è sepolto nel mausoleo di Kaffal ash-Shashi): “Oh, che città! E i prati del paradiso. Non sopporto’ il paragone con l’antico Shash! E quello che si stabilì qui a lungo, dimentica per sempre del paradiso. Forse è meglio morire a Tashkent che trascinare la vita in qualsiasi altro posto. “
La moschea Tilla Sheikh (1856-57) si trova vicino alla Madrasa di Barak Khan. Fu costruito con la disposizione del Mirza Akhmed Kushbegi, Khan di Kokand.
Originariamente era usata come moschea commemorativa nel vecchio cimitero. Più tardi, a metà del XX secolo, la moschea fu ricostruita e iniziò a svolgere il ruolo di cattedrale.
Quindi più volte è stata completata, ricostruita. Oggi è una spaziosa moschea luminosa con grandi aperture su entrambi i lati. L’ingresso è decorato da un portale. Particolarita’ di questa moschea è che ha due nicchie mihrab e due sale collegate da due aperture ad arco. Ogni sala ha il suo design architettonico e una combinazione di colori.

Più recentemente, è stato completato da un’aivan estivo a forma di L.

La madrassah Mui Muborak ricostruita ospita un museo del Corano e manoscritti orientali. Secondo la leggenda, nella madrasa sono conservati i capelli d’oro di Profeta Maometto.
Il posto centrale è occupato dal Corano di Khaliffo Osman. Nelle piccole sale è presente una raccolta di Corani pubblicati in diversi paesi, in diversi anni. Il Corano è scritto in stile calligrafico “kufi”. L’autenticità del Corano è confermata dal certificato dell’UNESCO.
Il famoso Corano di Osman, risalente al VII secolo, si trova in uno speciale sarcofago realizzato in Germania, dove vengono mantenuti un certo regime di temperatura e umidità.
Nel 2007, sulla piazza furono costruiti i seguenti edifici: un nuovo edificio dell’Amministrazione Spirituale dei Musulmani dell’Uzbekistan, una grande moschea del venerdì, 2 minareti alti di 58,5 metri. Un porticato aivan scolpito in legno fu costruito di fronte all’ingresso all’interno della moschea. Lo adornano le colonne di sandalo.
All’interno, la moschea è decorata con cupole dipinte con ornamenti floreali dorati e un gran numero di candelieri e applique di cristallo. Al centro del cortile sono piantati gli arbusti e fiori ornamentali.
Accanto alla moschea nel nuovo edificio a due piani c’è l’Amministrazione Spirituale dei Musulmani dell’Uzbekistan. È stato creato nel 1943. Ha 10 dipartimenti. La gestione spirituale del mufti è guidata da E. Alemov. Nella costruzione dell’Amministrazione Spirituale c’è una biblioteca, che ha oltre 20000 libri e 3000 dei manoscritti più preziosi.

Posa della prima pietra del Centro per la civiltà islamica

Informazioni dal sito Web ufficiale del Presidente della Repubblica dell’ Uzbekistan. Il presidente Shavkat Mirziyoev il 15 giugno, il giorno della celebrazione del Ramadan Khait, ha visitato il sito di costruzione del Centro per la civilt islamica.
Il capo del nostro stato il 1 ° settembre dell’anno scorso ha visitato il complesso Hazrati Imam nella capitale, dove ha dato istruzioni sulla costruzione, gli scopi e gli obiettivi di questo centro. Vicino al complesso è stato assegnato un terreno di circa 10 ettari. Il progetto è sviluppato, il sito è pronto per la costruzione.
Shavkat Mirziyoyev il 15 giugno ha posto la pietra miliare simbolica alla base della costruzione del Centro per la civiltà islamica. Il capo del nostro stato si è congratulato con le figure religiose riunite durante l’evento, così come tutti i nostri connazionali sul Ramadan Khayit, hanno notato il profondo simbolismo dell’inizio della costruzione di questo centro in questa festa importante.
Lo scopo della costruzione di questo centro è studiare l’Islam illuminato, per portare il grande patrimonio dei nostri antenati alla nostra gente, alla comunità internazionale. Inshallah, tutti i nostri sforzi aiuteranno a educare i giovani, sviluppare la scienza e la cultura, rafforzare la pace e la tranquillità, ha affermato il Presidente.
L’idea principale del centro, che opererà sotto il Gabinetto dei Ministri della Repubblica di Uzbekistan, è quella di combattere l’ignoranza attraverso l’educazione, promuovendo l’eredità dei nostri grandi antenati, che hanno dato un enorme contributo allo sviluppo della cultura islamica.
A tal fine, qui verranno istituiti lavori di ricerca, verrà organizzato un museo. Si prevede di studiare il ruolo di scienziati e studiosi nella storia della civiltà, di promuovere ampiamente i loro risultati scientifici e spirituali, le elevate qualità umane, per rivelare profondamente l’essenza umanistica del lavoro dei classici della letteratura e dei maestri dell’arte.
L’edificio del centro sarà eretto secondo la tradizione dell’architettura nazionale, sotto forma di una moschea con una cupola. Il complesso comprenderà una biblioteca, un centro di informazioni e risorse, dipartimenti scientifici, una sala conferenze, spazi per uffici e altre strutture.
Possedendo una eredità così grande, siamo indietro nella scienza. Le nostre iniziative di oggi sono riconosciute da tutti i paesi musulmani. Ora è necessario essere degni di questo e dare l’esempio nell’apprendimento e nell’illuminazione, ha affermato il capo del nostro stato.
Vengono dati consigli per rafforzare l’atmosfera di rispetto e cura reciproci nella nostra società, perdonando coloro che, per ignoranza, si sono smarriti, aumentando le qualifiche degli imam-khatib e per aumentare l’attenzione dell’educazione dei giovani.

RACCOMANDAZIONI METODOLOGICHE:

1. Quando si visita un luogo di culto, ai turisti si consiglia attenersi a determinate regole di comportamento e adottare un abbigliamento consono. (Niente abiti scollati, attillati, corti o trasparenti per le donne, niente pantaloncini corti e canottiere per gli uomini). Ed anche del fatto che per visitare moschea ed museo del Corano ocorre togliere le scarpe.
2. Avvertire che non è consentito fotografare nel museo del Corano.
3. Il percorso della visita iniziare l’escursione dall’edificio più antico, che è la base del complesso, dal mausoleo di Kaffal Ash-Shashi.
4. Nel caso di necessità (nel caso di ritardo o é stato limitato il tempo , per esempio, al servizio della delegazione), si potrebbe iniziare l’escursione dal museo del Corano e manoscritti orientali.
5. Il giorno del venerdì, è meglio iniziare l’escursione da questa piazza, poiché vengono fornite preghiere del venerdì ed è consigliato ai turisti di non rimanere in ritardo dopo le 11 a.m 
6.  Il tempo totale per le visite dei monumenti di tale complesso non dovrebbe superare 40-60 minuti.
7. Tempo libero per le foto non meno di 15 minuti.

Compilato da: Abdunabieva D.A. – Capo specialista del dipartimento per il coordinamento degli sviluppi educativi e metodologici dell’Istituto per lo sviluppo del turismo.
Traduzione G.Sharipova
Istituto per lo sviluppo del turismo presso il Comitato statale della Repubblica dell’ Uzbekistan per lo sviluppo del turismo
Viaggi in Uzbekistan con agenzia locale. Viaggia in Uzbekistan con noi!!!

Vuotaci

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 589

No votes so far! Be the first to rate this post.