LA MADRASA ABUL KASIM SHEIKH

5
(579)

La madrassa di Abul Kasim situata dietro il Palazzo dell’Amicizia dei Popoli. E’ un monumento dell’architettura classica a due piani. Si trova tra i moderni grattacieli vicino Oliy Majlis (Camera legislativa dello stato). Alla fine del XIX secolo, a Tashkent funzionavano più di 20 madrase, una delle quali era chiamata “Madrasai Mui Muborak”. Poco prima, questo era un mausoleo chiamato “Honakoyi Mui Muborak” (“Mausoleo dei capelli sacri (di Profeta)”. Dopo che il padre di Abulkasymkhon – Eshonkhontur, essendo nella corte di Amir Umarhon di Kokand, fu nominato alla carica di Sheikh ul-Islam, la sua famiglia vivendo accanto a questo mausoleo, iniziò la ricostruzione, quindi la costruzione di tutto complesso: una moschea, una madrasa, i bagni turchi, la cisterna dell’acqua, magazzini e negozi.

Nel 1855, gli studenti iniziarono l’ammissione a questo complesso. La nuova istituzione educativa fu eretta a spese personali di Abul Kasim-ishan, figlio di Eshonkhon-tura, e dopo la morte di Abul Kasimkhan nel 1899 iniziò ad essere chiamato la “Madrasa di Abul Kasim Sheikh”. Secondo un rapporto del 19 luglio 1872 e scritto dal tenente colonnello Lebedinsky al governatore militare della regione di Syr Darya, nella madrasa c’erano circa 80 studenti, guidati da Abul Kasimkhan. “Un pranzo caldo viene servito due volte al giorno (mattina e sera). I vestiti e i libri di testo degli studenti sono forniti a spese di un deposito di carbone (magazzino) e di 20 negozi di waqif (dukan). ” Più tardi, 150 studenti hanno iniziato a studiare in esso.

Etnografo-orientalista N.P.Ostroumov, ricordando il suo incontro e l’interessante conversazione con Abulkasim-ishan (15 giugno 1885), lo definì una persona istruita e altamente colta. Per insegnare la scienza con i suoi fondi, ha speso circa 30 mila rubli.

Inizialmente, la madrasa di Abul Kasim Sheikh si trovava accanto alla moschea principale. Come altri edifici del complesso, fu parzialmente distrutto durante l’era sovietica. La madrasa includeva anche l’edificio honako (il vecchio “Mausoleo dei capelli sacri”). Le quattro righe del verso persiano lo testimoniano.
Questo santo edificio è grande come il paradiso in cielo. Poiché i venerabili capelli del Profeta sono conservati qui, Orgoglioso di ciò, il mondo scrive “storia” nella gloria. Questa magnifica casa dei santi capelli del Profeta. (Postato da Mir biy Yuldache).
La madrasa fu costruita vicino all’ex Porta di Beshagach e, secondo alcune fonti, nel cortile una volta era situata sotto la cupola di un pozzo sardoba. La facciata principale a due piani è costruita con mattoni quadrati piani infornati. Agli angoli della facciata sono minareti con torrette a cupola. Nella parte superiore della facciata centrale, i lampioni esagonali venivano usati per illuminare le stanze. Le restanti 3 facciate sono semplici, senza alcun ornamento. Più volte l’edificio della madrasa ha sofferto di terremoti. Un portale e un vestibolo (myon-saray) confinano con la facciata principale sotto forma di una suite di sette scomparti a cupola che si sovrappongono a un corridoio a forma di P greca che conduce nel cortile. Il cortile è circondato da hujra a volta. All’interno della madrasa sono presenti darskhona, moschee  e biblioteche. Oltre alla religione, gli studenti della madrasa hanno studiato scienze come matematica, etica e letteratura. L’insegnante, ha indicato il percorso della verità: lavoro onesto, vita degna, fede in Dio, nella vita. Nelle sue numerose lettere, accanto alla sua firma, ha attribuito: “Khodim ul fukaro” – “ministro del popolo”.
C’è un fatto storico poco noto e interessante, la firma del “trattato di pace sull’adesione volontaria di Tashkent alla Russia” ha avuto luogo tra le mura di questa madrasa. È noto che questa fu l’iniziativa del generale Chernyaev. È anche noto che in questo momento Abul Kasym-ishan stesso era nella madrasa di Abul Kasim Sheikh. In seguito parteciperà attivamente alla vita politica della sua città. L’orientalista V.P. Nalivkin (“La storia del Khanato di Kokand”) menziona Abul Kasim-ishan come un intellettuale altamente istruito che era noto a Tashkent e godeva di grande autorità dal governatore generale di Tashkent.
La madrasa di Abul Kasim Sheikh in effetti un tempo era un’istituzione educativa autorevole. Qui, fino al 1917, il famoso scrittore scrittore Abdulla Kadiri, il professor Abdurauf Fitrat, i poeti Gulyam Zufariy, Chusti, Saidakhmad Vasli, illuminante, leader e fondatore del movimento educativo nazionale Jadid, capo dell’organizzazione Shura-i-Islam nel Turkestan Munavarkori Abdurashidkhonov e molti altri studi qui. Nella carestia del 1929, 70 famiglie reinsediate da Samara furono poste qui. La storia della “rivolta di colera” di Tashkent è anche legata alla madrasa. Il 7 giugno 1892 fu notato il primo caso di colera. Una settimana dopo l’epidemia si diffuse in tutta Tashkent. L’amministrazione sta adottando misure, una delle quali è un divieto di non autorizzato, senza il permesso degli operatori sanitari, il funerale dei morti. La sharia richiede che i morti siano sepolti nel giorno della sua morte. Nelle opere scientifiche ed etnografiche del ricercatore russo Neil Likoshin (1860-1922), Abul Kasym-ishan partecipò attivamente a questa rivolta. Usando la sua autorità di fronte all’amministrazione, venne dal governatore generale, convincendo che non vi era colpa della gente comune nella “ribellione del colera”. Il governatore annullò la sua fatidica decisione di bombardare il territorio della città vecchia. Lo riporta il libro “Guzallik Maskani” (“Il fonte della bellezza”) di A. Mukhammadkarimov.
C’è una leggenda su Khumayun, l’amato figlio di Babur. Quando si ammalò gravemente, il famoso tabib non riuscì a curarlo. Uno di quelli vicini alla corte ha consigliato il suo scià: la cosa più amata di Khumoyun Mirza dovrebbe essere sacrificata. Babur ha detto: per Khumoyun non c’è niente di più prezioso di suo padre. Tre volte fece il giro attorno al corpo del figlio e chiese ad Allah di prendere la sua anima invece di suo figlio. Secondo la leggenda, tre giorni dopo Babur morì e Humoyun si alzò in piedi…
La morte di Abul Kasim-ishan ricorda in qualche modo questa leggenda. Quando il clero e l’ulama della città si radunarono nella casa di Abul Kasimkhan per porre fine all’epidemia di colera, decisero di fare un sacrificio in nome di Allah. Durante la preghiera nella moschea, Abul Kasim-ishan ha annunciato di aver accettato la sventura che ha colpito il suo popolo. In una preghiera generale, l’ishan ha prefigurato che l’epidemia di colera avrebbe presto lasciato la città. Abul Kasim-ishan muore il 4 luglio 1892. Una moltitudine di cittadini lo ha accompagnato nel suo ultimo viaggio. Il giorno successivo anche il colera si fermò.
Etnografo-orientalista N.P.Ostroumov ha scritto a questo proposito: “Nei suoi anni in declino, Abul Kasimkhan, che era molto preoccupato per i recenti eventi, morì di colera. È interessante notare che, dopo la sua morte, il colera si è fermato e i locali credono che la morte di una persona che si è dedicata ad Allah addolcisca la rabbia di Dio, che manda i peccatori al colera “.
Una vita pesante ricadde su questa dinastia. Nel 1941, nove parenti furono arrestati e poi fucilati come “nemici del popolo”. Secondo il pedigree, il cui originale è conservato nei fondi dell’Istituto di studi orientali dell’Accademia delle scienze dell’Uzbekistan, Ishan Abul Kasim discende da “Khulafoi Roshidin”, vale a dire da khazrat Ali ibn Abu Tolib, che risale al profeta Maometto. 
Negli anni ’80 del periodo sovietico, qui  si trovava la Casa dell’ateismo scientifico.
Oggi, l’edificio della madrasa ospita il Centro dell’arte applicata – la Hunarmand Craft Association.

RACCOMANDAZIONI METODOLOGICHE:

1. Quando si visita il sito “Madrasa Abulkasim Sheikh” il racconto si consiglia iniziare vicino alla facciata centrale.
2. Qui si racconta la storia di questo luogo e gli eventi associati a questa madrassa.
3. Nel cortile della madrasa mostrare le costruzioni lungo il perimetro e raccontare la storia dell’artigianato in Uzbekistan.
4. Uscire dal sito si potrebbe dal secondo cancello.
5. Tempo di visita consigliato 10-15 minuti totale.
6. Tempo libero ai turisti per conoscere l’artigianato e fare le fotografie 20 minuti.
Compilato da: Abdunabieva D.A. – Capo specialista del Dipartimento per il coordinamento degli sviluppi educativi e metodologici dell’Istituto per lo sviluppo del turismo.
Traduzione in italiano: G.Sharipova
Istituto per lo sviluppo del turismo presso il Comitato statale della Repubblica dell’ Uzbekistan per lo sviluppo del turismo
Prenota viaggio in Uzbekistan con noi!!!

Vuotaci

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 579

No votes so far! Be the first to rate this post.