Madrassa Kukeldash o Kukaldosh XVI secolo

5
(696)

Il quartiere Chor-su della moderna Tashkent è un crocevia delle strade principali. La Madrasa di Kukeldash sorge sopra il bordo elevato delle mura della città vecchia; a destra dei resti di antichi edifici, fu costruita una nuova moschea Khodgia Akhror Vali. Fino al 1954, erano situate qui la vecchia madrasa e la moschea di Khodgia Akhror. I volumi maestosi di questi edifici religiosi dominavano nell’area urbana inespressiva. Sotto si trovava la città reale – Shakhristan, con i suoi bazar, negozi, case di mercanti e botteghe di artigiani.

La Moschea Khodgia Akhrar era una volta uno dei primi edifici islamici della città. Il primo edificio della moschea di Tashkent Juma, la Moschea del Venerdì principale, fu costruito nel 1451 a spese dello sceicco Ubaidulla Khodgia Akhrar (1404-1490). Ubaidullah Akhror, l’allora noto sufi, leader del clero musulmano e discendente del profeta Maometto, preparandosi a trasferirsi, ordinò la costruzione di una grande moschea di venerdì e madrasa nella Gulbazar makhalla dell’antica Tashkent. Secondo le leggende locali, i fondi per la costruzione di Ubaidulla sono stati salvati dalla vendita di “scarti di filo” che rimangono dopo aver tagliato il tessuto in pezzi standard.

La moschea Juma è stata la base del complesso Registan nell’area di Chorsu. E’ l’unico campione della moschea del venerdì a Tashkent del tipo a cortile, comune in Asia centrale nel tardo Medioevo. Questa moschea di Juma era la più antica delle 157 moschee del moderno Tashkent. L’edificio principale della vecchia moschea aveva la forma di un cubo, coperto da una cupola con quattro finestrini in un cilindro basso. Sul muro orientale di fronte al cortile e’ stato realizzato un grande arco. La moschea aveva un cortile rettangolare allungato circondato da gallerie di pilastri. Nel 1868, la moschea fu gravemente danneggiata da un devastante terremoto. Dopo 20 anni, fu finalmente restaurato con fondi (17 mila rubli russi) stanziati dal tesoro statale da Alessandro III, motivo per cui fu chiamata “la moschea zarista”.

Successivamente, vari eventi politici di diversi periodi storici hanno portato alla completa distruzione della moschea. Le rovine furono infine demolite nel 1997. I lavori di riparazione e ricostruzione della moschea Khodgia Akhror Vali sono iniziati negli anni ’90 del secolo scorso. L’edificio è stato completamente rifatto da architetti moderni, il cubo è stato demolito e al posto di una cupola, ora la moschea è incoronata con tre cupole.
A metà del XVI secolo, a sud-ovest della moschea, fu costruita la madrasa di Kukeldash. Si ritiene che sia stato costruito dal visir dei khan di Tashkent di Barakhan e suo figlio Darvish Mukhammad, soprannominato Kukeldash, che significava “fratello del latte di Khan” nel 1551-75 in uno stile architettonico tradizionale. La lettera vacufa di Darvish Khan sopravvissuta dice che la madrasa si lascia in eredità al caravanserraglio, che indica l’esistenza di questo edificio in quel momento. All’ingresso, dietro il portale, una moschea si trova sulla sinistra, e sulla destra ci sono le stanze degli studenti coperti da cupole. Il cortile è spazioso, circondato da 38 hujra situati intorno al perimetro e collegati con la moschea e porticati.
Nella sua scala e abbondanza di rivestimenti artistici fatti di maioliche e mosaici, l’edificio potrebbe competere con i migliori edifici di Samarcanda e Bukhara di quel periodo. Tuttavia, il tempo, le crisi economiche, i terremoti in una volta hanno cambiato notevolmente l’aspetto dell’edificio. Nel XVII secolo, la madrasa Kukeldash veniva utilizzata come fienile o caravanserraglio. A seguito dei terremoti del 1886 e del 1946, fu gravemente danneggiato, di conseguenza, numerosi lavori di restauro cambiarono aspetto, la parte superiore del pestak d’ingresso crollò sul fondo dell’arco. Grazie ai costruttori, è stato possibile ripristinare la madrasa letteralmente dalle rovine. E’ stato restaurato anche il portale principale di venti metri della madrasa. Il portale esterno è decorato con maioliche di colori tradizionali: tonalità azzurro, blu, bianco e ocra. Oggi, questa madrassa operativa è molto elegante, ben curata. Più di cento studenti vi sono iscritti, che entrano qui su base competitiva. Hanno a disposizione strutture per l’allenamento, una sala computer, una biblioteca, un ufficio di calligrafia, una sala sportiva, una sala da pranzo e un ostello per i visitatori. Molti insegnanti della madrasa hanno una volta studiato in questa madrasa. Il periodo di formazione è di 4 anni. Alla fine del processo educativo, i laureati sono distribuiti nelle moschee dell’Uzbekistan, coloro che lo desiderano possono continuare la loro istruzione in qualsiasi istituto di istruzione superiore del paese.

RACCOMANDAZIONI METODOLOGICHE:

1. Prima di visitare il sito Madrasa di Kukeldash, la guida dovrebbe avvertire il gruppo che l’auto (autobus) sarà in attesa altrove, al parcheggio, concentrandosi sui punti di riferimento
2. Tutti avvisi al gruppo vengono fatti al microfano prima di uscire da pulman.
3. Quando si visita un luogo di culto, ai turisti si consiglia attenersi a determinate regole di comportamento e adottare un abbigliamento consono. (Niente abiti scollati, attillati, corti o trasparenti per le donne, niente pantaloncini corti e canottiere per gli uomini)
4. Se il gruppo è un gruppo scolastico, la guida dovrebbe essere molto attenta e non trascurare i bambini. Una visita al bazar di Chor-sou non è prevista per i bambini.
5. Si consiglia di iniziare la visita sui gradini inferiori dell’ingresso della madrasa per vedere meglio la facciata dell’edificio e non disturbare i passanti.
6. Tempo di visita del sito dovrebbe essere 10-15 minuti 
7. Alla fine della visita turisti devono avere almeno 10 minuti di tempo libero per la visita indipendente e fotografie.
Compilato da: Abdunabieva D.A. – Capo specialista del dipartimento per il coordinamento degli sviluppi educativi e metodologici dell’Istituto per lo sviluppo del turismo.
Traduttore: G.Sharipova
Istituto per lo sviluppo del turismo presso il Comitato statale della Repubblica dell’ Uzbekistan per lo sviluppo del turismo
Viaggio in Uzbekistan e visita a Tashkent non noi!!! Mandaci la tua richiesta per viaggio in Uzbekistan!!!

Vuotaci

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 696

No votes so far! Be the first to rate this post.