PIAZZA “AMICIZIA DEI POPOLI” a Tashkent

5
(644)

La piazza “Amicizia dei popoli” è una delle più giovani di Tashkent. Fu pianificato nel 1982, quando la città si stava preparando per il suo primo anniversario (a quel tempo gli archeologi hanno dimostrato la storia della città di 2000 anni. Successivamente, ci saranno nuove prove e nel 2009 la capitale celebrerà il suo 2.200 ° anniversario).

Nella parte centrale della piazza nel 1983, fu eretto un monumento monumentale, significativo per tutti uzbeki. L’opera di scultore D. Ryabichev, architetti L. Adamov e S. Adylov. Tutte le persone nello spazio post-sovietico ricordano bene che il popolo uzbeko fraternamente, come per i parenti, aprì le porte delle loro case, riparò e aiutò a stabilirsi per milioni di donne e bambini, gli anziani padri e madri di Russia, Bielorussia, Ucraina, che la dura guerra ha temporaneamente costretto lasciare i loro luoghi nativi, le loro fabbriche, campi.

La vera storia di una famiglia semplice, del fabbro Shoakhmed Shomakhmudov e della sua moglie Bakhrinisso Akramova, ha costituito la base per la creazione del monumento. Furono loro che durante gli anni della seconda guerra mondiale adottarono 14 bambini orfani di 8 nazionalità e li allevarono, facendo diventare vere persone.

I residenti di molte delle nostre città hanno seguito il loro esempio. Il romanzo “La Sua Maesta’ l’uomo” è dedicato a loro, il film “Tu non sei orfano” è stato girato su di loro. Questo è un monumento dedicato alla misericordia, la nobiltà dell’anima umana.
Tornando per un’attimo in quel momento, si puo’ immaginare come il capofamiglia della casa porti un altro orfano a casa, che la famiglia circonda di amore, cura, affetto e non importa se il russo è un bambino, o un bielorusso, ucraino, kazako …
Il cuore materno per tutti i bambini è lo stesso, ugualmente preoccupato per i successi a scuola, per la salute dei bambini, per l’umore, le lacrime e gli insulti dei figli.
“Oggi, decenni dopo, è davvero un’impresa spirituale che centinaia di famiglie uzbeke abbiano preso i bambini orfani evacuati, condiviso con loro l’ultimo pezzo di pane e li abbia riscaldati con la gentilezza e il calore dei loro cuori. Tra loro c’è la famiglia del fabbro di Tashkent, Shoahmad Shomakhmudov “, ha ditto il Presidente dell’Uzbekistan, Shavkat Mirziyoyev.
Secondo Mirziyoyev, Bahri-aya e Shoahmad-ota hanno accolto i bambini privi del loro destino per dare l’educazione, circondandoli con amore e cura dei veri genitori. Usando questo esempio, ha osservato il presidente, il mondo intero ha appreso che qualità umane elevate hanno il nobile e generoso popolo dell’Uzbekistan.
Questo evento, secondo il capo dello stato, ha buone ragioni. Oggi nel paese, ha osservato, i rappresentanti di oltre 130 nazioni e nazionalità vivono come una sola famiglia in pace e amicizia.
“Sono sicuro che il complesso ricreato nel centro della capitale dell’Uzbekistan diventerà un vivido simbolo delle crescenti tradizioni di tolleranza e comprensione reciproca, generosità e gentilezza del nostro popolo”, ha sottolineato il presidente.
Il monumento in bronzo a più figure riflette uno dei momenti della vita di questa famiglia. Il fabbro stanco, il capofamiglia, tornato dal lavoro, viene accolto dalla moglie seduta sulla “kurpacia” con un bambino in braccio e un gruppo di bambini rumorosi. In primo piano, il soggetto principale della fucina è l’incudine. Questo non è solo uno strumento di lavoro di Shoahmed Shomakhmudov, ma anche un simbolo di fermezza, determinazione del popolo sovietico, fede nella vittoria.
Passeranno gli anni, ma queste due semplici persone, il fabbro Shoahmed e sua moglie Bahri, saranno per sempre circondati dai loro figli, donandoli il loro amore, la loro luce e la loro gioia di vivere.
Oggi l’area è paesaggistica, bella, vengono allestite panchine, piantate aiuole, sono apparse fontane, è stata aumentata l’illuminazione. Al centro della piazza è installato un pennone alto 60 metri, sul quale sventola la bandiera dell’Uzbekistan di 6 × 9 metri.
Dietro il monumento si trova un grande e magnifico edificio del Palazzo dell’Amicizia dei Popoli. La sua costruzione iniziò nel 1980, fu completata nel 1983 (secondo il progetto dell’architetto E. Rozanov). L’edificio stesso è completamente coperto di vetro impenetrabile;  è rifinito con una griglia in cemento armato simile a canne d’organo.
L’edificio è coronato da una potente cornice figurata. La facciata principale è decorata con alti portali ed ampie porte. Per la decorazione dell’edificio sono stati utilizzati marmo di Gazgan e di Nurata, granite ed oro.
Ci sono 3 pannelli interessanti nella hall, usando la tecnica del mosaico fiorentino di pietre naturali sui temi: “Amicizia dei popoli”, “Festa”, “Terra fiorita” di maestro A. Bukharbaev. Il foyer laterale è decorato con pannelli in ceramica: “Primavera” e “Autunno”.
L’enorme parete in ceramica, realizzata da un artista di ceramica Alexander Kedrin, ha un ruolo emotivo speciale all’interno del palazzo. Le profonde piastrelle blu-turchesi con dorature, come un ornamento luminoso attirano chiunque entri nell’edificio. L’auditorium, progettato come un anfiteatro con balcone, è progettato per 4100 posti.
La forma inclinata delle pareti laterali della sala offre una buona visibilità, acustica e trasformazioni necessarie. Nella sala è installato un impianto audio e cinematografico, un sistema per comunicazioni tecnologiche speciali.
La scena è decorata con una tenda di velluto bordo, che è stata ricamata d’oro a mano da famose sarte di Bukhara. Il palazzo ospita concerti, festival, conferenze. Ci sono anche 3 sale riunioni.
L’edificio sembra molto elegante la sera, quando tutte le luci sono accese. I foyer sono decorati con lampadari realizzati nella fabbrica ceca a forma di grappoli d’uva.
Lampadari più piccoli adornano le hall e le piccole sale. L’illuminazione dell’auditorium è realizzata sotto forma di grandi tubi, che ricordano le loro forme di strumenti nazionali: i Karnai.
Vicino alla zona “Amicizia dei popoli” sorge una delle conquiste dell’architettura moderna: l’Associazione delle banche dell’Uzbekistan.
Si tratta di un moderno grattacielo con una finitura a cupola, rifinito con piani di vetro, che ricordano la forma di un’astronave, è stato creato dai costruttori uzbeki ed jugoslavi.
Questa piazza straordinariamente bella offre un panorama impressionante della città. Su entrambi i lati, la piazza è circondata da edifici a più piani, inclusi edifici residenziali e uffici.

RACCOMANDAZIONI METODOLOGICHE:

1. Durante la dimostrazione dellla Piazza Amicizia dei popoli dai finestrini del veicolo, il conducente del trasporto deve attendere 5 minuti davanti alla fermata dell’autobus cittadino. Quindi continua senza intoppi e lentamente.
2. A causa del breve periodo di tempo, la guida deve iniziare la storia sull’area in anticipo, prima di arrivvare al posto.
3. Nel mostrare il complesso e raccontarlo, il lavoro della guida dovrebbe essere di 20 – 25 minuti di tempo per visitare la città, se viene fornita un’uscita. Se la visita non prevede di uscire dal bus, quindi 5-7 minuti.
4. Tempo libero almeno 10 minuti.
Compilato da: Abdunabiev D.A. – Capo specialista del dipartimento per il coordinamento degli sviluppi educativi e metodologici dell’Istituto per lo sviluppo del turismo.
Traduttore: G.Sharipova
Istituto per lo sviluppo del turismo presso il Comitato statale della Repubblica dell’ Uzbekistan per lo sviluppo del turismo
Viaggi in Uzbekistan con migliore tour operator locale. Prenota viaggio in Uzbekistan con noi!!!

Vuotaci

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 644

No votes so far! Be the first to rate this post.