Tashkent – citta’ di pietra

5
(324)

Tashkent  e’ la capitale dell’Uzbekistan, si trova sulla via della Seta. Mostra la sua scintillante radice come una citta’ della Via della Seta oggi. Ha 2.200 anni, e’ una città ricca del paese di popolazione, di cotone e di tessili, oltre al petrolio, carbone, rame, zolfo, riso e prodotti come televisori, automobili e trattori. Il suo nome significa “Citta’ di Pietra” – un titolo adottato nel 11° secolo, anche se le radici di Tashkent risalgono all’inizio del primo millennio d.c. Ha l’aspetto di una moderna metropoli.

Tashkent è diventata una città musulmana nel 8° secolo d.c. ed era un importante centro commerciale durante il Medioevo. Guerre e calamità naturali hanno spazzato via la maggior parte degli edifici risalenti al tempo dell’antica città. Tra i superstiti sono: la scuola coranica Kukeldash (XVII secolo), la Sheikhantaur Ensamble (XV sec.) e la Khazrati Imam- complesso (XVI sec.).

Nonostante il suo aspetto moderno, a Tashkent non manca né bellezza né cultura: questa città ha 2,3 milioni abitanti. E’ verde, grazie alla sua bellezza dei parchi e le sue fontane. C’e’ il famoso Teatro Alisher Navoiy, e’ stato costruito nel 1945, dopo il terromoto non e’ successo niente. Da quell periodo a oggi, è un edificcio molto bello di Tashkent.

Ci sono 15 universita’, accademia degli scienziati, teatri e musei. La città vanta anche più di 15 scuole, una rinomata università e accademia delle scienze, e una serie di teatri e musei, tra cui il Museo di Arte Cinematografica e il Museo di Storia dei popoli dell’Uzbekistan.
Per i ricercatori, la città offre risorse a non finire, tra cui il teatro statale di Alisher Navoi, la biblioteca  risalente al 1870, Archivi di Stato della Repubblica di Uzbekistan (comprese le più importanti aziende) e l’Uzbekistan Academy of Sciences Library.
Tutti questi adifici considerano un complesso, complesso Khast Imom, adsesso il nome e’ cambiato a ‘Khazrat Imom’. Il complesso Khazrat Imom contiene il Museo Biblioteca Moyie Mubarek, Moschea di Tillasheykh, Medrassa di Barakkhan, l’Istituto Islamico Imam Ismail al-Bukhari e il Mausoleo di Abu Bakr Kaffal Shoshi. Complesso considera come il centro islamico di Tashkent. Nel 2007 questo complesso e’ stato restaurato per l’ordine del nostro presidente e poi nel 2008 Tashkent e’ stato ‘il Centro Culturale dell’Islam’. Dicono che durante la ricostruzione circa 1800 operai e 200 masteri sono lavorati. Adesso, cioe’ questo anno stiamo celebrando ‘ 2200 anni di Tashkent’.
La moschea Tilla Sheykh e’ stata costruito nil 1890, ma prima qui si trovava una altra moschea ‘Namozgoh’ durante XVIII e XIX secoli che era stata costruito dal khan di Kokand Khudayarkhan. Dopo l’indipendenza, l’abbiamo rifatta, adesso la moschee ha due minareti, con l’altezza 50 metri. Adesso la Moschea e’ Venerdi’, ma nalle sala per la preghiera possiamo vedere una parete di legno, a destra parte della moschea, questa parte della moschee per le donne. Ogni venerdi’ qui arrivano qualche donne religiose anche. Ma questa e’ un puo’ brutta cosa per i musulmani, perche’ brave musulmane pregano a casa. Solo ogni uomo deve pregare alla moschea. Sulla porta principale della moschea c’e’ qualche scritti da Corano. Nel cortile della moschea possiamo vedere un ayvan colla decorazione di legno. Sulla parete della moschea si trova un tabellino con 5 orario della preghiera. Quando entriamo nella sala della preghiera della moschea, possiamo ammirare da un bello sofitto.
Il museo Biblioteca Moyie Mubarek contiene il Corano di Osman. Il Corano e’ originale, ma qualche pagine sono rifatte, preche’ era stato spostato tre volte, a Samarcanda nel XIV sec. da Tamerlano, nel 1868 a Mosca dai russi e a Tashkent da Lenin nel 1924 quando tutto il territorio dell’Uzbekistan e’ stata una Repuplica Sovietica e anche c’e’ un’altro variante che i musulmani del Turkestan dall’inizio del XX sec. fina al 1924 il paese si chiamava Turkestan chiedevano il Corano. Ma prima nel VII sec. il Corano di Osman era stato portato a Tashkent da un Sheykh di Choch. In quell periodo Tashkent si chiamava ‘Choch’ dagli arabi. Come la gente locale dice che quello sheikh era andato al khalifo dei musulmani, a Osman. Osman aveva chiesto qualche domande dell’Islam. Sheykh aveva risposto corettamente alle tutte domande di Osman. Poi Osman aveva regalato questo Corano a sheikh. Per questo oggi possiamo vederlo a Tashkent. Ma in quell periodo c’erano 4 Corani, adesso si trovano negli Arabia Saudita, Egipto, Iraq e in Uzbekistan. Questo Corano ha il suo certificate da UNESCO. Qui tranne il Corano di Osman, possiamo vedere 3000 manoscritti in arabo.
La medrassa di Barakkhan e’ stata costruito da Sheybanidi nel XVI sec. Dopo la dinastiya di timuridi, nell’Asia Centrale e’ arrivato un’altra dinastiya che si chiamava ‘sheybanidi’. Durante il periodo di sheybanidi Bukhara e Tashkent sono state fifiorite, in quell periodo a Bukhara e’ stata costruito la Medrassa Mir-i-Arab, i maestri di quella medrassa sono costruiti un’altra medrassa a Tashkent che si chiama Barakkhan che era un governatote di Tashkent in quell periodo. La Medrassa di Barakkhan somiglia alla medrassa Mir-i-Arab che si trova a Bukhara, ma la medrassa di Barakkhan e’ piu’ piccola che la medrassa di Bukhara. Alla facciata della medrassa c’e’ portale della medrassa colla decorazione di mattone, mosaichi e maioliche. E anche possiamo vedere qualche scritti in Arabo da Corano. La medrassa ha cortile in cui possiama vedere circa 10 celle per gli studenti. A ovest parte del cortile c’e’ una moschea con una cupola, su questa cupola c’e’ luna mezza con una stella che e’ un simbolo dell’Islam. La gente locale fino al XIX secolo chiamava questa moschea ‘ Ko’k Gumbaz’ che significa ‘LaCupola Azurra’. I maestri della cupola erano di Samarcanda, forse per questo ora a Samarcanda possiamo vedere cupole azurre. Nel 1868 e’ sucesso un gran terremoto, la seconda parte della cupola e’ stata distrutta fino al 1956 che in quell anno la cupola e’ stata’ rifatta dai maestri. Adesso la medrassa e’ un centro degli artigiani. Celle sono negizi + camere degli maestri.
La medrassa e’ satata rifatta dai russi all’inizio del XX secolo e dopo l’indipendenza anche.
Il Mausoleo di Abu Bakr Kaffal Shoshi e’ stato costruito nel XVI secolo da sheybanidi.
Abu Bakr e’ il nome, ‘kaffal’ da arabo significa serratura (lock), shoshi e’ di Tashkent. Abu Bakr Shoshi ha ricevuto il nome di ‘Kaffal’ da Zanghi ota da una persone religiose. La gente locale dice che Abu Bakr Shoshi aveva una via segreta nella terra che serviva a Zanghi ota. Abu Bakr Kaffal Shoshi aveva riuscita ad aprire le serrature, e anche lui era un bravo poeta, sapeva molte lingue, Corano e Khadisse. Lui era morto nel 976 o 977. La gente locale lo e’ seppolto vicino a un canale Kaykovus, prima mausoleo sulla tomba di Kaffal Shoshi era stato costruito circa nel XIII secolo, poi quello mausoleo era stato distrutto, ma nel XVI secolo e’ stato ricostruito un nuovo mausoleo. Sulla porta di quello mausoleo c’era il nome del maestro del mausoleo e l’anno 1541. La decorazione del mausoleo e’ maiolica. Nel mausoleo possiamo vedere due stanze con 5 piccole tombe, nella seconda stanza ci sono tre tombe dei ‘mufti’. Livello dell’Islam.
L’Istituto Islamico Imam Ismail al-Bukhari e’ aperta dal 1970, nell’Asia Centrale ci sono solo due scuola islamiche che sono aperte dal periodo islamico, prima e’ questa, la seconda e’ a Bukhara. Uficcio per le persone religiose, per imam, mullah ecc.
La Medrassa di Kukeldash  e’ stata costruita su una collina vicino alla piazza Chorsu che adesso e’ bazar. La medrassa e’ satat costruita da un primo ministro di Barakkan con suo figlio che si chiamava Darvish Muhammad. Kukeldash e’ un stile della costruzione che usava dai maestri dell’Asia Centrale durante 1551-75 e significa ‘frtatello caseario (molochniy) di khan’.
A sinistra parte della medrassa c’e’ la moschea della medrassa, a destra parte si trova stanza delle lezioni. Prima questa medrassa era tre piani, ma dal XVII secolo e’ due piani, durante nei secoli medrassa era stata usata come caravan seraglio e un capannone (ambar) soprattutto nel 1868 e 1946. Forse per questo la facciata della medrassa e’ stata cambiata un puo’. Adesso questa medrassa e’ aperta, lavori, contiene 38 khujre cioe’ 38 celle per gli studenti, chi vuole isscriversi a questa medrassa, lui deve fare la scuola media. Il studio della medrassa dura 4 anni. Qui studiano solo i ragazzi. Dopo questa medrassa i ragazzi hanno opportunita’ a isscriversi a un istituto o a una universita’. Ma se qualcuno non vuole isscriversi all’universita’, lui rieche a insegnare alle scuola media come un insegnante con la lingua Araba o riesce a lavorare a una moschea. La decorazione della Medrassa e’ semplice.
Una Moschea Venerdi’. E’ una moschea principale della citta’, e’ stata costruito nel XV secolo, durante il periodo sovetico era una fabrica di lamiere, la medrassa era un negozio. Dopo l’indipendenza, l’abbiamo rifatta, adesso ci serve.
Bazar Chorsu, prima era una piazza, adesso e’ bazar. Qui possiamo trovare ‘kurpacha’ – metarassi, chapan – capotti nazionale e coltelli.
Viaggio in Uzbekistan 9 giorni con la partenza dall’Italia con voli Turkish Airlines via Istanbul o Aeroflot via Mosca.
ITINERARIO
Tashkent – Urgench – Khiva – Bukhara – Shakhrisabz – Samarcanda – Tashkent
1ºGIORNO ITALIA – TASHKENT (volo)
Partenza dall’Italia con voli Turkish Airlines via Istanbul o Aeroflot via Mosca e pernottamento sul bordo.
2ºGIORNO TASHKENT – URGENCH – KHIVA (escursione + volo + 35 km)
Alla mattina presto arrivo a Tashkent. Operazioni di frontiera ed incontro con la guida locale per il trasferimento all’hotel, pernottamento. Colazione, visita a Tashkent. Gli arabi l’avevano chiamata Shoshkent che divenne poi Tashkande quindi Tashkent. Maggiore centro economico e culturale della repubblica uzbeka, è sede di cotonifici, setifici, stabilimenti meccanici, industrie chimiche e riveste un importante ruolo di nodo di comunicazioni. Trasferimento a parte nord-ovest di Tashkent, escursione la città vecchia, “eski shakhar”, si presenta come un dedalo di strette viuzze polverose su cui si affacciano case basse di mattoni e fango, moschee e antiche madrasse (accademie islamiche). Alla sera si parte per Urgench con volo locale HY-057 18.40-20.20. Arrivo a Urgench, trasferimento a Khiva (35 km). Pernottamento.
3ºGIORNO KHIVA (escursione)
Colazione. Intera giornata dedicata alla visita della città di Khiva. Una delle città più affascinanti della regione, con le sue strutture in stile arabo con colori che variano dal celeste al turchese, è rimasta praticamente intatta dal XVI secolo. Si trova a soli 35 km da Urgench e la sua visita è sorprendente. La città, vitale e suggestiva, conserva edifici monumentali bellissimi: moschee, minareti, madrasse, palazzi e mercati. Visitandola, ci si trova immediatamente in un altro mondo, come se il tempo per una volta fosse stato benevolo e avesse desiderato tramandare agli uomini tanta bellezza e armonia. Visita della cittadella di Khiva. Il compatto e affascinante centro storico, il più intatto in assoluto tra i centri della Via della Seta, enumera monumenti del XVII-XIX secolo: il complesso ‘Ichan Kala’ (Cittadella Interna)dove ci sono 56 monumenti storici, ne si puo’ visitare 16.
4ºGIORNO KHIVA – BUKHARA (480 km)
Colazione in hotel e partenza per Bukhara (480 km 7 ore di strada), l’itinerario porta ad attraversare il fiume Amu-Darya e il deserto Rosso (Kyzilkum). In Uzbekistan ci sono due grandi fiumi: L’ Amu-Darya nell’antichità classica, era conosciuto con il nome di Oxus in greco e  il Syr-Darya, conosciuto dai greci come Jaxartes o Yaxartes.
5ºGIORNO BUKHARA (escursione)
Colazione in hotel. Escursione per la città. Bukhara è la città della poesia e della fiaba. La cittа è situata in un’oasi del deserto Kizil-Kum a est dell’Amu Darya ( il principale fiume ch ebagna questa area dell’Asia)  sul corso inferiore del fiume Zeravshan. Centro antichissimo, deriva la sua importanza dalla posizione geografica, punto d’incrocio delle vie carovaniere che collegavano l’Arabia all’India e all’antico Catai (La Cina). È uno delle più antiche città del mondo, la sua storia data la fondazione a oltre 2.500 anni. Oggi Bukhara uno di più maggiori centri dell’industria e dell’economia, è la maggiore città dell’Asia Centrale.
6ºGIORNO BUKHARA – SHAKHRISABZ – SAMARCANDA (410 km totale + escursione)
Colazione in hotel e trasferimento a Shakhrisabz “la città verde” (270 km – 4 ore sula strada). Piccola località situata a sud di Samarcanda. Visita alle splendide rovine di questa antica e gloriosa città, con oltre duemila anni di storia. Venne costruita secondo un modello tipico dell’Alto Medio Evo con una struttura centrale simile a quelle di Samarcanda e Bukhara ed ha continuato a svilupparsi durante il IX e X secolo nonostante i continui conflitti tra le dinastie samanidi e i turchi. E’ la città natale di Tamerlano e una volta, probabilmente, la sua fama oscurava addirittura quella di Samarcanda.
7ºGIORNO SAMARCANDA (escursione)
Colazione, visita a Samarcanda – ‘fortezza di pietra’, una volta si chiamavano SogdianaAfrosiyabSamaria. E’ la piu antica citta’ e terza citta’ dell’Uzbekistan per popolazione. Situata al centro delle principali rotte commerciali asiatiche Samarcanda, nel corso della sua storia lunga circa 2750 anni fu parte dell’impero persiano, successivamente su sotto influenza araba, poi timuride e uzbeke. Dal 2001 la citta’ figura nella lista dei patrimoni dell’umanita’ dell’UNESCO sotto il titolo di Samarcanda – Crocevia di culture.
8ºGIORNO SAMARCANDA – TASHKENT (escursione + 280 km)
Colazione. Escursione per il museo archeologico di Afrosiab. Si conosce gli affreschi originale del VII secolo e civilta’ cultura islamica. Il Mausoleo Daniar – tomba del profeta Daniele (XV secolo) si trova in un luogo pittoresco non lontano dal fiume Siyob. Il nome Daniele c’e’ sulla Tora, sulla Bibbia e sul Corano. Per questo motivo ebrei, cristiani, musulmani arrivano e fanno pellegniraggio. Il centro Konighil dove si produce carta di gelso. Posto e’ particolare e molto interessante. Trasferimento a Tashkent (280 km – 5 ore sulla strada), pernottamento in hotel.
9ºGIORNO TASHKENT – ITALIA (escursione + volo)
Alla mattina presto trasferimento all’aeroporto e partenza per Italia con voli Turkish Airlines via Istanbul o Aeroflot via Mosca.
Carica programma completo viaggio in Uzbekistan qui…
Viaggio in Uzbekistan 6 giorni
Viaggio in Uzbekistan 7 giorni
Viaggio in Uzbekistan 8 giorni
Viaggio in Uzbekistan 9 giorni
Viaggio in Uzbekistan 10 giorni
Viaggio in Uzbekistan 11 giorni
Viaggio in Uzbekistan 12 giorni
Viaggio in Uzbekistan 13 giorni
Viaggio in Uzbekistan 14 giorni
Viaggio in Uzbekistan 15 giorni
Viaggio in Uzbekistan Yurta 12 giorni
Viaggio in Uzbekistan e Kyrgyzstan 17 giorni
Viaggio in Uzbekistan e Turkmenistan 11 giorni
Se vuoi organizzare VIAGGIO DIVERSO in UZBEKISTAN, mandaci tua richiesta viaggio in Uzbekistan su MISURA e crea la tua vacanza diretto con tour operator locale in Uzbekistan!!!

Vuotaci

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 324

No votes so far! Be the first to rate this post.